LA RICERCA MOTIVAZIONALE

LA RICERCA MOTIVAZIONALE E' QUEL TIPO DI RICERCA CHE SI PROPONE DI SCOPRIRE IN BASE A QUALI MOTIVAZIONI LA GENTE FACCIA LE PROPRIE SCELTE. ESSA SI SERVE DI METODI ATTI A RAGGIUNGERE LA PARTE INCONSCIA O SUBCONSCIA DELLA MENTE UMANA, POICHE' LE PREFERENZE SONO GENERALMENTE DETERMINATE DA FATTORI DI CUI L'INDIVIDUO NON E' CONSAPEVOLE.
La ricerca motivazionale nasce in America negli anni '50, quando la televisione era ancora nella sua fase "adolescenziale". Siamo in un'epoca in cui la tv era quasi tutta in bianco e nero, mentre adesso già due generazioni sono cresciute sotto l'impatto televisivo.
Inoltre i giovani ribelli della CONTROCULTURA hanno stravolto completamente gli stili di vita, basti pensare all'emancipazione delle donne, agli straordinari movimenti emigratori del dopo guerra o alle campagne di riforme condotte dai gruppi ecologisti per arrivare, parallelamente all'inesorabile progresso tecnologico, ad un sistema di vita completamente stravolto nella nuova era di internet.
Ma è proprio negli anni '50 che in America si studiano METODI mirati ad incrementare la vendita di miliardi di dollari di prodotti, sottoponendo il popolo consumatore a continue forze manipolatrici di cui non si rende assolutamente conto, e talvolta con un successo così sbalorditivo che due terzi delle maggiori agenzie pubblicitarie d'America hanno condotto le loro campagne pubblicitarie basandosi su concetti strategici ispirati da quella che gli specialisti del marketing chiamano "Analisi Motivazionale".
Questo tipo di pubblicità è guidato da psichiatri e studiosi di scienze sociali (psicologi, sociologi, antropologi ecc), i quali prestano opera di consulenza presso varie ditte, oppure aprono per conto proprio degli istituti di ricerca.
L'impiego della psicanalisi di massa nelle grandi offensive di "persuasione" sta ormai alla base di un'industria multimiliardaria.
Ciò che gli specialisti vanno cercando sono i PERCHE' del nostro comportamento, così da poter manipolare a proprio vantaggio le nostre abitudini e preferenze.
Anche se queste ricerche presentano senza dubbio aspetti costruttivi e divertenti, contengono un significato antiumano che non può essere ignorato: infatti, nulla, si direbbe, è sacro, nulla può salvarsi da queste manipolazioni e rappresentano, nella maggior parte dei casi, un regresso piuttosto che un progresso nella lotta incessante che l'uomo conduce per diventare un essere razionale e indipendente.