home

Hacktivism. La libertà nelle maglie della rete

 

di A. Di Corinto e T.Tozzi

 

indice

3.2. La scienza istituzionale. le universita', i laboratori di ricerca, le istituzioni governative.

 

Le ricerche sulle nuove tecnologie della comunicazione nel settore scientifico ed istituzionale sono state un pozzo da cui attingere idee da sviluppare in ambiti sociali. Viceversa la scienza istituzionale Ŕ stata molto spesso influenzata dall'attivitÓ di personaggi o gruppi che si sono mossi al suo interno con un'attitudine decisamente non ortodossa e talvolta esplicitamente ispirata ad un'etica hacker. E l'attitudine hacker di alcuni personaggi o gruppi all'interno della scienza ha avuto un ruolo decisivo per la nascita e lo sviluppo delle tecnologie telematiche.

Per il tema del nostro libro e per comoditÓ divulgativa, distinguiamo in questa sede tre aree differenti nel campo della scienza: la ricerca della vita artificiale, le ricerche per portare la tecnologia al popolo e la ricerca scientifica collettiva.

Sviluppando il nostro percorso cercheremo di dimostrare come queste tre aree siano state un luogo di contaminazione reciproca tra attitudini differenti e come attraverso tale scambio entrambe le parti abbiano avuto vantaggi reciproci. Cercheremo anche di presentare alcuni casi in cui il mercato si Ŕ inserito in tali scambi per trarne profitti individuali, per incassare i frutti degli sforzi collettivi e di come nel fare ci˛ si rischi di mandare a rotoli una linea di progresso positiva per la collettivitÓ.

 

continua

indice
 

Licenza: Questo testo e' soggetto alla GNU Free Documentation License

Copyright (c) 2002 A. Di Corinto, T.Tozzi

Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.1
or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, with no Front-Cover Texts, and with no Back-Cover Texts. A copy of the license is readable in http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html